Le nanareddi

Le "nanareddi"ad Aragona si ripetono ogni anno da diverse generazio­ni nel pomeriggio dei nove giorni che precedono la notte di Natale e in quello del sei Gennaio. La loro tradizione ricca di attesa e suggestione si conserva integra e rappresenta un grande appuntamento per tutti gli abitanti del pae­se. Nei giorni antecedenti l'inizio della novena nelle vie del paese vengono opportunamente preparate le edicole sacre, le nicchie o in mancanza di esse gli altarini con immagini di San Giuseppe, Maria e il Bambino Gesù, con fronde di aranci e ramoscelli di asparagi posti come cornice. Al loro interno vengono accese delle candele o lampade che anticamente erano nove quanti i giorni della novena, ma che adesso variano per numero senza alcuna regola. Nel pomeriggio del primo giorno il cantore accompagnato da quattro o cin­que sonatori, gira per le vie del paese e va annotando in un quaderno tutte le edicole sacre e la somma pattuita con gli interessati, contemporaneamente intona il suo melanconico canto con una cantilena, accompagnata dalla mu­sica dei sonatori e dal tamburino che inizia e conclude la novena. Ogni sera in versi ottonari canta il viaggio doloroso di San Giuseppe e Maria a Betlem­me fino alla nascita di Gesù e alla venuta dei Re Magi dall'oriente.

La musica è sempre la stessa nell'accompagnamento del canto, mentre varia nella sua introduzione senza una regola precisa. Nelle ultime tre sere davanti alle nicchie, vengono accesi dei falò con covoni di stoppie sulle cui fiamme, molti ragazzi fino a qualche tempo fa, si divertivano a saltare ri­schiando di prendere qualche bruciatura, come qualche volta è accaduto.

Il giro che il cantore fa per le vie del paese è molto lungo a causa del nu­mero elevato di edicole sacre, per cui il suo itinerare si protrae fino a tarda se­ra; qualche bicchiere di vino ogni tanto lenisce la sua fatica, ma alla fine rima­ne quasi sempre senza voce.

Rispetto al passato è aumentato di molto il numero di nanareddi che vengono preparate per le vie del paese, se ne fanno, infatti, circa sessanta ma va sempre più diminuendo la folta schiera di ragazzi e di spettatori che anda­vano seguendo il cantore e i sonatori. Una volta anche il "ciarameddaro" ac­compagnava il canto delle novene, succesivamente le ciaramelle vennero suonate soltanto nelle Chiese del paese durante la notte di Natale fino a scomparire del tutto nell'ultimo quarto di secolo.

Sono ancora in molti ad Aragona a ricordare la figura di "mastru Vicen-zu l'orbu" che da solo, circa mezzo secolo fa, andava facendo le novene ac­compagnando il suo canto con il suono di una chitarra che egli stesso suona­va. Qualche volta sbagliava strada e andava a cantare in un'altra casa senza accorgersene. Alla conclusione del ciclo gli si dava una misera offerta anche se circolava un ritornello che diceva: "a la notti di Natali, a mastru Vicenzu, lu capuni ci amu a dari"; in realtà nessuno gli dava il cappone, ma il detto stava a significare che alla fine bisognava ricompensarlo.

Nello stesso periodo in cui "mastru Vicenzu"andava facendo le novene un altro cantore accompagnato da alcuni sonatori e dal ciaramellaro faceva altrettanto quasi in concorrenza.

I versi delle "nanareddi"che il cantore intona nelle nove sere che prece­dono la notte di Natale sono gli stessi di quelli diffusi in molti paesi della Sici­lia, ma presentano qualche variante e l'aggiunta del canto del sei Gennaio che rende contraddittorio lo stesso termine di novena. La radice del nome de­riva, infatti, da nove e sta a significare i canti celebrativi del Natale cantati nei nove giorni che precedono la nascita di Gesù, mentre quelli aragonesi sono distribuiti in dieci giorni.

Aragona per dedica fatta dal suo fondatore Baldassare Naselli, ha come Santi protettori i tre Re Magi e questo spiega la presenza del canto del sei Gennaio nella novena.

La devozione ai Santi protettori del paese ha sicuramente spinto i pri­mi cantori ad aggiungere i versi del sei Gennaio che illustrano la venuta dei tre Re Magi, due dei quali portano i nomi di Gaspare e Baldassare che sono stati i nomi di molti rampolli della famiglia Naselli.

Le novene in Sicilia hanno inizio nella prima metà del XVIII secolo e sostituirono i molti canti che venivano intonati durante il periodo natalizio da cantori generalmente ciechi. Esse sono pertanto una derivazione dei canti celebrativi della nascita di Gesù anticamente chiamati ninnareddi o nanared­di come ad Aragona.

I versi del "Viaggiu dulurusu di lu patriarca San Giuseppi in Betlemmi" che sostituirono nella seconda metà del 1700 i molti canti natalizi siciliani sono attribuiti ad un certo Benedetto Annuleri di Monreale che li compose intorno al 1774.

Il Viaggiu dulurusu è diviso in nove parti, ciascuna delle quali presenta nove strofette in versi ottonari. Ogni parte viene cantata in ognuno dei nove giorni che precedono la nascita di Gesù formando nell'insieme una novena.

I versi delle nanareddi di Aragona che si tramandano in manoscritti so­no quelli attribuiti all'Annuleri ma presentano, oltre all'aggiunta del sei Gen­naio, qualche differenza dovuta forse alle varie trascrizioni o all'opera degli stessi cantori, che non ne hanno, però, alterato la struttura e il contenuto. La prima sera presenta nove strofette di quattro versi ottonari, mentre la secon­da dieci strofette; la terza, la quarta e la sesta sera ne presentano otto; la quin­ta, la settima, l'ottava e la nona ne presentano sette. La decima, sera quella del sei Gennaio, è formata da otto strofe, ciascuna di cinque versi ottonari.

Il testo che abbiamo preso in esame è una trascizione di un manoscrit­to delle nanareddi appartenuto a Settimo Collura e datato il 12 dicembre 1949.

 

Nanareddi canti

VIAGGIU DULURUSU DI MARIA SS. E LU PATRIARCA
S. GIUSEPPI IN BETLEMME (Stanze di Natale)

PRIMA SERA

Ascultati boni genti lu viaggili e dulurusu ... ira lu friddu, Ira li stenti va Maria cu lu so sposa ...
Lu viaggiu dulurusu S. Giuseppi avia di lari, tra lu vernu rigurusu cu la nivi a viaggiari...
Però un sapi comu fari, si va sulu o accumpagnatu. Si a Maria si avi a purtari lu so cori adduluratu.
Però resta cunsulatu S. Giuseppi da Maria. Senza ditti, senza fiatu lu so cori penarla.
La duicissima Maria la so pena sapi e senti. Ca pi amuri e curtisia accussi dici risulenti.
Ma Signuri nun c'e nenti si facemmu stu viaggiu.
Suppurtammu pi la via ogni pena, ogni disagiu.
Betlemme lu passaggiu l'altu Diu ci lu disponi. Si parteru cu curaggiu e cu gran divozioni.
Piccaturi chi disponi, facci prestu cumpagnia. Accumpagnamuli cu lu cori S. Giuseppi cu Maria.

SECONDA SERA

S. Giuseppi è cunsulatu nunn'avi cchiù malincunia, pìrchì già l'accumpagnava lu viaggiu di Maria.
La modesta allegrezza ricivì umiliatu. Già ringrazia a Maria, ogni pena ha livatu.
Ora sugnu obligatu, sposa mia, di ricircari pruvvidenza a lu me statu, pi lu viaggiu ca avemu a lari.
Sposa mia però nun mancari. Ora datimi licenza quantu vaiu a vuscari qualchi poca di pruvvidenza.
ìri facennu rivirenza, si partì Giuseppi altura. Pi parlarla cu dicenza n'asinella si pricura.
Si disponi la vittura quantu pani a pricurari. Quantu pisci piscù altura, pruvvidenza pi mangiari.
Pi lu partu c'avia di fari Maria ancora affannatedda, si disponi di pigliari c'avia du mbasciaturedda.
Inchì po na cascitedda di bianchi so fidili. Ogni cosa netta e bedda pulitissima e suttìli.
O divoti assai fidili di Gesù e di Maria, di li so prudenti estili su rimasti alla strania.
Apparicchiatu, anima mia, lu secunnu iornu fu. Lu viaggiu di Maria fu la nascita di Gesù.

TERZA SERA

Di partir! è già disposta Maria Santa spusa e pura. S. Giuseppi già s'accosta pi sirviri la gran signura.
Senza fari cchiù dimura ca su pronti a lu viaggiu. S. Giuseppi pensa altura di Maria lu gran disagiu.
Binchì fusti santu e saggiu resti sempri timurusu. Nun è persu di curaggiu, cchiù chi pensa, cchiu è cunfusu.
Binchì sugnu timurusu, sposa mia comu 'a fari tra lu vernu rigurusu cu la nivi a viaggiari.
Sulu Dio ci po aiutari mentri sema pi la via. Comu Diu ni po mannari li so angili in compagnia.
Quannu po sema arrivati a Betlemme unitamenti, dda saremu ben trattati pirchì i cci aiu parenti.
A Maria nun dici nenti a Diu sulu sta cunfidatu, nun cunfida cu la genti cu Diu sulu sta accumpagnatu.

QUARTA SERA

Unni sunnu cunfidati li du stanchi amati spusi, mentri sunnu apparicchiati, a partiri su cunfusi.
Binchì sunnu timurusì S. Giuseppi cu Maria camminavanu graziusì. Cuminciaru di già la via.
Cavalcava di po la via fora dda di Nazaret S. Giuseppi l'assistiva sempri accanta a Maria stetti.
Pi cumpagni Diu ci detti decimila Serafini. Accumpagnali di li diletti furtunati pilligrini.
E li spiriti divini cu summu stentu e summa cura, sempri stavanu vicini di Maria la gran Signura.
E Maria vergini e pura tutti l'angili guardava, comu stati in vigura di lu tantu viaggiari.
A Gesù sempri purtava, chi rispettu in senu avia. Diu fatt'uomu la purtava in so dolci cumpagnia.
O chi focu s'accinniva, o chi gran divuzione. Lu viaggiu di Maria fu un'ottima orazione.

QUINTA SERA

S. Giuseppi cu Maria si cuntava lu viaggiu. Suppurtava pi la via ogni pena, ogni disagiu.
Lu so angilu pi paggiu ca pi via l'accumpagnava, sempri dannucci curaggiu, ma la pena nun ci livava.
Lu gran ventu chi sciusciava, acqua e nivi chi cadiva, supra d'iddi scaricava la timpista gran e ria.
Tuttu chiddu chi suffriva Maria santa e lu so sposu, tutti a Diu uffriva, ni lu so ventri rinchiusu.
Lu viaggiu dulurusu, chi cammina afflitlu amara, tra lu vernu rigurusu nun travaru mancu un pagliara.
Pi iddi mai ci fu ripara, sempri stanchi affannati. Pi la via suppurtaru ogni pia pinalitati.
O divoti tributanti nun curati patimenti. A ddi du sposi cuntlmplatt quantu peni e penalitati.

SESTA SERA

Viaggiava la Signura tutta savia e modesta, ca pativa na criatura santa, cara, pura, onesta.
Ci facivanu gran festa cu pi via l'accumpagnava. Animatu ognunu resta, ogni cori lacrimava.
Si pi strada ncuntrava ostinati piccaturi, cu n'ucchiata chi ci dava ci ammalava i cori duri.
Era tantu lu firvuri di lu so cori infuocata. Accinnia foca d'amari, ogni cori era ghiacciatu.
S'incuntrava gualchi malatu, cecu, ciuncu pi la via era prestu risanatu taliannulu Maria.
E l'afflitti chi vidiva, puvireddi, ncustiati taliannuli Maria li lassava cunsulati.
E l'afflitti turmintali di li spiriti divini, eranu prestu risanati e guariti di ogni mali. O divoti speciali di Maria summa buntati ni sti iorna di Natali va facili cantati.

SETTIMA SERA

Stanchi po di tanta via, mezzi morti su arrivati, S. Giuseppi cu Maria già traseru la cittati.
Firriannu pi li strati nun avianu stanzi avulu. Li scriveru. 'Annu pagatu a lu re lu so tributa.
Dumannavanu ancora aiutu a lì so stessi parenti. Nuddu d'iddi la vulutu l'Infilici scanuscenti.
Cu si finci ca nun senti, cu li senti e si fa scusa, ma li manna francamenti. Ogni porta pi iddi è chiusa.
O chi cosa lacrimusa quanti casi firriaru. S. Giuseppi e la so spasa nuddu alloggili mai truvaru.
Na lucanna ci insignaru a iddi du spusi unitamenti. Po di ddani li mannaru pirchì vinni l'altra genti.
Pensa tu a II aulenti, a iddi du spusi cuntimplati. Bisugnava a li scuntenti iri fora la cittati.

OTTAVA SERA

S. Giuseppi in tanti guai po rimastu in mezzu a via. E dicennu comu fari chista notti, spusa mia.
Chi duluri penuria, senta sbattiri lu pettu. Nuddu c'è pi curtisia, qualchi pocu di rispetti.
O miu Diu, padri dilettu pietà ma no di mia, pi l'amuri e pi rispettu chi parlasti pi Maria.
La dolcissima Maria chi vidiva lacrimari, di lu chiantu chi faciva unn'avvia forza di parlari.
pi putiri cunfurtari, sti parali si misi a diri: Chi facemu a lacrimari, nenti chiantu nenti suspiri.
Chi facemu a lacrimari stamu allegri anchi fori. Qualchi alloggiu n'anna a dari pi na notti nun si mori.
A sintiri sti paroli lu gran spusu di Maria, si allegra l'afflittu cori e ci passa ogni dulia.

NONA SERA

Ralligrativì pastura ca nasci la vera luci, ca pi nn'andri piccatura nasci nterra e mori ncruci.
Li pastura umili e duci la vidittl dda capanna. Nata cc'è la vera luci accanlu di la figlia di Sant'Anna.
Si bon'angilu cumanna, iti senza arritardari. La viditi la capanna. Iti a Gesù a visitari.
Iddi senza cchiù tardari, li pastura si alzaru quannu vittiru tumori ni dda notti iornu chiaru.
Alla grotta s'accustaru pi truvari n'aanuniddu. a Maria senza ripara, a Giuseppi nuduliddu.
S. Giuseppi miatiddu ci diciva a li pastura, stu me figlio è picciliddu, nasci nterra pi la mura.
Si ti penti piccaturi di la so nativitati, lu bambina tuttu amuri ti pirduna li piccati.

ULTIMA SERA (sei Gennaio)

Ni dda notti triunfanti, ca nasci l'onnipotenti, si parteru giubilanti li tri re di l'orienti cu na stidda ncumpagnia p'adurari lu Messia.
Betlemme e la Compia lu truvaru lu bammineddu ni li grazza di Maria, granni riccu e puvureddu, tutti tri anginucchiuni l'aduraru comu patruni.
Dissi Gaspari patruni, summu Diu d'altu cori vi presenlu ncinucchiuni stu vasettu chinu d'oru, A la Matri la curuna comu amabili patruna.
Ballassaru ci arraggiuna e ci dici umiliatu c'è lu gensu e la curuna e pi vai verbu incarnatu, di li re supra li re, a vui simili nunn c'è.
Merchioni disse aimè, summu Diu d'alta altezza, vi presentu ncinucchiuni stu vasettu d'amarizza e la mirra ci parlai pi cuntimplari li so guai.
La so Matri umili assai e ci spascia lu figliu caru tutti tri ncinucchiuni li piduzza ci vasaru li tri re di l'orienti l'aduraru assai cuntenti.
C'era un'angilu prisenti e ci dici di un passari ca uccidiri vurria prima a Gesù e po a Maria
Fidilissimi divoti va conciati n'antra via. Tutti insiemi po raccolti in celesti cumpagnia amanu tutti Diu cuSantu zelu pi poi goderlo eternamente in cielo.